Icona Facebook
Area Riservata
Numero Verde

ZANZARE, FASI DELLO SVILUPPO

Le femmine delle ZANZARE possono deporre le uova direttamente sull’acqua o in luoghi che verranno sommersi solo dopo un certo periodo di tempo.

Indipendentemente dal sito di deposizione, la schiusa dell’uovo e lo sviluppo della larva di ZANZARA potrà avvenire solo in presenza di acqua allo stato liquido (non saturazione di umidità).Le varie specie di ZANZARA si sono adattate in modo da consentire alle proprie larve lo sviluppo in differenti tipologie di acque: dolci, salmastre, limpide, torbide, inquinate o meno.

Solitamente non si trovano larve di ZANZARA in acque in movimento o in acque che ospitano pesci insettivori, che si possono nutrire delle larve stesse. La velocità di sviluppo delle larve di ZANZARA, ovvero la durata del periodo che intercorre tra la schiusa dell’uovo e la comparsa della forma alata adulta, è collegata alla temperatura dell’acqua in cui le larve si stanno sviluppando. All’aumentare della temperatura delle acque infestate diminuisce la durata della fase di vita larvale e, di conseguenza, accelera la comparsa di nuove ZANZARE alate. Ciò spiega perché le ZANZARE divengono più numerose in zone ove sono molto frequenti, od estese, le acque stagnanti che consentono un buon sviluppo delle larve e perché la presenza delle ZANZARE adulte aumenta con il progredire della temperatura.

Nella realtà di tutti i giorni possiamo distinguere due principali ZANZARE responsabili del maggior disagio. Culex pipiens, o ZANZARA comune, attiva dal tramonto all'alba. Punge sia all'esterno che all'interno delle abitazioni. Sverna come femmina adulta all'interno delle abitazioni, o nelle cantine e nei magazzini. Le uova sono deposte, a gruppi, direttamente alla superficie dell'acqua, in strutture chiamate "barchette". Le femmine depongono le uova principalmente nell'acqua dei tombini stradali e dei fossati.

La comparsa di Culex pipiens precede quella di Aedes albopictus, la ZANZARA tigre. Entrambe le specie sono in grado di trasmettere malattie virali, oltre a parassiti mortali per cani e gatti (filaria) se non trattati preventivamente in modo adeguato dal veterinario. Culex pipiens in alcune aree della Val Padana può trasmettere WNV (West Nyle Virus) da fine luglio. E' per questo motivo che in alcune aree diviene necessario modificare temporaneamente i criteri con cui si attua la donazione del sangue. Aedes albopictus è stata responsabile di una piccola epidemia del virus CHK in provincia di Ravenna nell'estate 2007, ed è nota una sua, non elevata, capacità di trasmettere il virus ZIKA.

La ZANZARA tigre sverna come uovo (uovo durevole) deposto in luoghi che verranno sommersi dalle piogge primaverili.

L'unico luogo che possono condividere le due ZANZARE è l'acqua presente all'interno dei tombini stradali (o di parcheggi, piazze, ...). Per il resto hanno comportamenti ben differenti. La ZANZARA tigre non depone le uova in presenza di medi e grandi ristagni d'acqua (fossati, golene, stagni, acquitrini, risaie, ...) ma solo in presenza di piccoli quantitativi d'acqua e nel raggio di poche decine di metri dai giardini e dalle abitazioni.

Mentre le femmine della ZANZARA comune si portano alla sera verso le abitazioni partendo dai fossati e da luoghi distanti 100aia di metri, quelle della ZANZARA tigre cercano riparo dal caldo nelle immediate vicinanze delle abitazioni. In particolare si portano alla base delle siepi e dei cespugli alla ricerca di luoghi umidi ed ombrosi e qui attendono le persone che sostano o lavorano vicino alle case per il loro, necessario, pasto di sangue.

Ciò ha un riflesso importante nella organizzazione delle azioni di controllo. Mentre l'esecuzione degli interventi antilarvali nei tombini stradali è utile per ridurre sia la presenza della z. comune che della z. tigre, trascurare l'infestazione nelle acque stagnanti dei fossati può permettere a Culex pipiens di moltiplicarsi a dismisura.

Per contro gli interventi contro le ZANZARE adulte sono discretamente efficaci nei confronti della ZANZARA tigre perché vengono trattati i luoghi di "riposo" diurno e notturno, vicini alle abitazioni. All'opposto gli interventi contro le femmine adulte della z. comune possono risultare di efficacia modesta perché questa ZANZARA non cerca rifugio diurno nella vegetazione vicina alle abitazioni e può compiere in volo anche discreti spostamenti.

PER TROVARE LA GIUSTA SOLUZIONE CONTATTACI o ACCEDI ALLA NOSTRA AREA SERVIZI

HYGENE Srl

Monza • 20900
Via Umberto Boccioni, 6

T +39 039 2020243
F +39 039 2842339
E-MAIL info@hygene.it
Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.